AKG K240 Cuffie Da Studio Migliore Recensione Del 2022

Disclaimer: Links in the table below and some throughout the article could be affiliate links. As an Amazon Associate, I earn from qualifying purchases. That's how we review products on Zero to Drum.

Scegliere quale tra le migliori cuffie esistenti sia adatta al tuo studio è una decisione difficile.

Vuoi trovare l’opzione che non solo abbia una buona qualità audio ma che sia anche resistente e confortevole dopo lunghi periodi di attività?

Ci sono così tante opzioni che scegliere quale mettere nel carrello può rivelarsi un compito travolgente. Tuttavia ci sono dei marchi che non ti deluderanno mai e AKG è uno di questi. Questo è uno dei fattori principali da considerare quando si cercano questo genere di prodotti.

AKG non scherza mai quando si tratta di qualità.

Personalmente, sono un fan di AKG e penso che facciano alcuni dei set più affidabili presenti sul mercato. Oggi ne tratteremo uno in particolare: le K240 Studio Headphones.

Se stai cercando un set di cuffie da studio che sia perfetto in ogni aspetto, vale la pena prendere in considerazione le Studio Headphones AKG K240.

Si tratta di un articolo con oltre 500 recensioni solo su Amazon (e una valutazione media di quattro stelle); questo set si è dimostrato uno dei migliori.

Recensione delle AKG K240: un classico da studio di alto livello

Le Studio K240 sono un classico del settore.

Sono sicuro che la maggior parte delle persone che hanno avuto un interesse per la produzione audio conosceranno questo set; è difficile non averne mai sentito parlare.

Le K240 sono state la prima vera incursione di AKG nel settore delle cuffie da studio semi-aperte nel 1979.

La forma di questo prodotto è stravagante, per non dire altro, e ci vuole un po’ di tempo per abituarsi, soprattutto se provieni da modelli aperti come la serie ATH M50x o Sony WH1000XM.

La sua precisione è eccellente.

Recensione delle cuffie da Studio K240: design e comfort

Per quanto riguarda il comfort, anche se a prima vista potrebbe non sembrare, i padiglioni fanno un ottimo lavoro nel sigillare il suono, quindi non devi preoccuparti di sentire il mondo esterno mentre li indossi.

Anche l’archetto autoregolante è un bel tocco e rende le Studio particolarmente comode per sessioni di ascolto e per le applicazioni prolungate.

Recensione delle cuffie da studio AKG K240: qualità del suono

Per quanto riguarda la qualità del suono, vale sicuramente la pena notare che questo articolo non è pensato per essere utilizzato con musica dai bassi pesanti o con altri tipi di audio che fanno molto affidamento sulle basse frequenze.

Tuttavia, se dovessi usare le AKG K240 con qualcosa come brani classici o canzoni jazz, le tue orecchie te ne sarebbero infinitamente grate.

Il design semi-aperto fa un buon lavoro nel ridurre il rumore esterno e fornisce anche un’atmosfera di ascolto più spaziosa rispetto ai tradizionali modelli chiusi.

Nonostante questo, non si tratta di un modello realmente concepito per essere utilizzato in condizioni rumorose come sui mezzi pubblici o durante le ore più intense in ufficio.

Pro:

– Il rapporto qualità/prezzo del suono è ottimo e ed è possibile anche monitorare l’audio durante la registrazione.

– Lo shape del collare ti consente di muoverti liberamente senza che i cavi jack ti intralcino.

– Sono dotate di una parte posteriore semiaperta che riduce anche i rumori esterni provenienti da altre fonti.

Contro

– La qualità del suono non è delle migliori, specialmente se stai ascoltando qualcosa di ” basso “. I suoni delle unità di fascia bassa possono essere presenti ma non enfatizzati.

– Non è un prodotto wireless.

Verdetto: se usi questo modello AKG con qualcosa di diverso dalla musica dotata di bassi potenti, sicuramente le tue orecchie saranno ricompensate.

Potrebbe non essere la migliore definizione della massima qualità ma ha sicuramente qualcosa di eccezionale da offrire.

AKG K240 Studio vs AKG K240 MKII, qual è il migliore?

Quando si parla delle AKG K240 Studio vs MKII, la prima cosa da considerare è che sono due modelli diversi.

Il modello K240 Studio ha un design posteriore semiaperto ma non ha un sistema di ammortizzazione intorno all’orecchio o caratteristiche di isolamento acustico come le MKII.

Il K240 Studio ha una migliore risposta ai bassi.

Sono entrambe design con la parte posteriore semiaperta. Le MKII sono progettate intorno all’orecchio con caratteristiche di isolamento acustico e imbottitura dei padiglioni per una comodità maggiore rispetto al modello K240 Studio.

Questa differenza nel design ti dà un’idea del motivo per cui ci siano diversi driver in ciascuna cuffia: provenivano da due epoche completamente diverse da quella delle cuffie da studio.

Negli ultimi anni, la designazione ” Semi-Open ” ha fatto riferimento ad un tipo di padiglione auricolare che non è completamente chiuso: lascia passare il rumore ambientale fornendo comunque una buona qualità audio e proprietà passive di “cancellazione del rumore” contro le frequenze più alte.

Tutto questo grazie alla densità ed alla composizione del materiale (non tutti saranno d’accordo).

Questo li rende perfetti per coloro che vogliono il meglio di entrambi i mondi.

Qualità audio

Entrambi i modelli offrono una qualità del suono migliore rispetto alla media delle cuffie.

Il modello K240 Studio ha bassi di fascia bassa più pronunciati, mentre il K240 MKII offre alti e medi leggermente più forti per creare un paesaggio sonoro probabilmente più ricco.

Il risultato è un ascolto meno faticoso per chi volesse ascoltare più a lungo senza sentire l’affaticamento incalzare o per chi avesse orecchie super sensibili e fosse soggetto a mal di testa da eccessiva esposizione al rumore (addio acufene!).

Noterai una differenza anche quando proverai questi due modelli con vari tipi di musica.

Uno potrebbe essere più adatto per il DJing perché accentua particolari gamme mentre l’altro funziona bene con monitor di riferimento aperti; si tratta di dispositivi in cui la gamma non è così importante sebbene una buona fedeltà conta comunque se speri di prendere decisioni rapide sul mixaggio.

Verdetto:

Il K240 è il migliore per coloro a cui piace ascoltare un’ampia varietà di tipi di musica poiché fornisce una risposta uniforme su tutta la linea.

L’MKII è il migliore per coloro che prediligono il pop o il rock, poiché fornisce una risposta dei bassi più pronunciata.

Qualità del suono: le cuffie AKG K240 sono buone?

Le cuffie AKG K240 hanno un design semiaperto, che consente al suono di fuoriuscire dalle orecchie. La risposta dei bassi non è così forte rispetto a un modello open-back, ma ha tutto ciò che serve per coloro che amano questo genere di cose!

Collegale al tuo dispositivo audio e otterrai un suono molto bilanciato che copre un’ampia gamma di frequenze. Sono parecchio comode soprattutto grazie all’archetto autoregolante, il quale le rende perfette per il mixaggio o per il DJing in movimento.

Sono cuffie aperte con un’impressionante risposta in frequenza da circa 15 Hz a 25k Hz, la quale è perfetta per ascoltare qualsiasi tipo di musica.

In poche parole, i cuscinetti auricolari sono realizzati in pelle morbida ed elastica che si sente benissimo sulle orecchie.

La qualità del suono è superba e queste cuffie hanno una buona risposta dei bassi per chi ama questo genere di cose.

Come si collegano le AKG K240 Studio?

Le AKG K240 hanno una presa mini XLR perfetta per il DJing o qualsiasi applicazione audio. La connessione al tuo dispositivo è semplicissima e il cavo è staccabile, il che lo rende ancora più comodo.

Collegamento in studio

Queste cuffie sono perfette per l’uso in studio e il loro design semiaperto le porta ad avere meno probabilità di perdere il suono.

Per connettersi ai tuoi dispositivi, il cavo ha una presa mini XLR perfetta per il DJing o per qualsiasi applicazione audio.

Connessione al tuo computer

Non ci sono ostacoli nel collegare queste cuffie al tuo computer o laptop.

Connessione al tuo telefono o tablet

Per collegare queste cuffie, basta collegare il connettore mini XLR al jack per le cuffie del tuo dispositivo iOS e il gioco è fatto.

Quando è uscito il modello AKG K240?

Le cuffie da studio AKG K240 sono state rilasciate nel 1984 e sono state tra le prime cuffie AKG ad essere progettate specificamente per l’uso in studio.

Nel corso degli anni, AKG ha apportato numerosi miglioramenti al K240, inclusa l’aggiunta di un archetto che si regola automaticamente per adattarsi alla tua testa.

Le cuffie da studio AKG K240 sono prodotte ancora oggi e sono disponibili presso tutti i principali rivenditori online per circa $ 50-100 dollari a seconda di dove le acquisti.

L’AKG K240 va bene per Il Mixaggio?

Le cuffie da studio AKG K240 sono cuffie eccellenti per il mixaggio.

Sono semiaperte, il che significa che hanno un palcoscenico sonoro molto spazioso e offrono un ottimo isolamento dai rumori esterni, fantastico per l’uso in studio.

Le cuffie da studio sono definite dalla loro risposta in frequenza piatta e dalla bassa impedenza per le prestazioni. Per coloro che se lo stanno chiedendo, il suono del K240 è neutro e senza alcuna enfasi maggiore sui bassi o sugli acuti.

Le cuffie offrono un’ampia risposta in frequenza da 15 Hz a 25k Hz con un’estensione di fascia bassa estesa e un’eccellente estensione ad alta frequenza.

Questo le rende perfette dove il mix di batteria, voce e altri strumenti spesso richiede l’ascolto in diverse aree dello spettro EQ contemporaneamente.

Cosa significa questo? La gamma più ampia consente agli ascoltatori di percepire più dettagli quando stanno bilanciando le frequenze, oltre che a rendere più facile individuare errori come riverbero o distorsioni abusate.

In Conclusione:

Le cuffie AKG K240 Studio sono senza dubbio le migliori cuffie per qualsiasi appassionato di audio o per qualsiasi professionista.

Spero che questa recensione renda la tua decisione di acquisto molto più semplice. Se dovessi avere commenti o domande, faccelo sapere.

Spero che questo articolo ti abbia dato tutte le informazioni che stavi cercando.

This post is also available in: English Español