Audiolab 6000a Amplificatore Miglior Recensione Del 2022

L’amplificatore integrato Audiolab 6000a mi ha fatto amare questo genere di dispositivi per come usano la loro tecnologia. Per più di 35 anni, l’azienda è stata in continuo cambiamento, praticamente dall’introduzione del suo amplificatore integrato da 8000A.

Questo prodotto è sopravvissuto alla prova del tempo, resistendo ancora oggi con una costruzione a prova di proiettile e un audio di alta qualità.

In questo articolo recensirò una delle ultime uscite di Audiolab, l’amplificatore integrato 6000A.

Sto parlando di uno dei capisaldi di questa azienda con sede nel Regno Unito. La serie Audiolab 6000a è progettata per un mercato attento al budget che conserva tutte le caratteristiche del miglior amplificatore stereo che si possa trovare in circolazione.

Sono presenti forniture indipendenti di energia per le fasi critiche del circuito e un amplificatore di potenza dedicato alle cuffie che utilizza quattro circuiti di corrente.

Questa linea di prodotti include il nuovo streamer 6000N Play DTS Play-Fi e il lettore CD 6000 CDT. Nella nostra recensione, esamineremo l’Audiolab 6000a descrivendone la costruzione, le caratteristiche, il suono e tutti gli altri filtri digitali disponibili.

Leggi l’articolo che abbiamo scritto per i nostri lettori!

Informazioni sull’Audiolab 6000a

L’Audiolab 6000a si basa sulla qualità del suono quando si tratta di ottenere il miglior amplificatore integrato stereo; per questo non ho dubbi sul modello Audiolab 6000A.

Una cosa che amo di questo marchio è che si dedica all’offerta di servizi di fascia alta per un mercato inferiore. Usano le funzionalità riservate ai loro dispositivi venduti ad alto prezzo, motivo per cui sono rimasti così a lungo sul mercato. Prima di esaminare questo modello, vorrei riportarvi indietro di alcuni anni nella storia di Audiolab.

L’azienda ha rilasciato il suo primo amplificatore integrato stereo (l’8000A) nel 1983 momento in cui le aziende migliori si erano già affermate sul mercato. Per questa ragione il prodotto in questione non è stato accolto molto bene, in quanto considerato come tutto ciò che non piacerebbe ad un audiofilo di questo periodo.

Non che questo amplificatore fosse male, forse era solo paura per qualcosa che non capivano. Non è stato facile trovare dei prodotti di questo livello e dotati di controlli di tono, presa per le cuffie, sorgente indipendente, commutazione del nastro e controlli di bilanciamento.

L’idea degli anni ’80 era che avere di meno fosse meglio e ciò ha influenzato molti consumatori durante il loro acquisto.

Audiolab ha venduto moltissimo durante le stagioni natalizie, quando i consumatori hanno iniziato a desiderare di più. Si è scoperto che gli utenti hi-fi avevano effettivamente bisogno di molte funzionalità e di circuiti da 50 W di potenza.

Audiolab ha dimostrato questo fatto e si è mostrato altamente affidabile quando non tutto era dato per scontato.

Per i quindici anni successivi, Audiolab continuò a migliorare l’8000A; aggiunsero alcune parti dalle dimensioni ridotte che hanno iniziato ad avere molto senso negli anni seguenti.

Nel 2015 l’azienda è passata a TAG McLaren Audio e poi di nuovo ad Audiolab prima di lanciare i successivi 8300. Questo prodotto si vantava di una migliore ergonomia, di un display digitale e di una potenza maggiore: da allora è diventato sempre più forte.

Ora abbiamo l’ amplificatore integrato stereo 6000a, dotato di una potenza inferiore ma più economico dell’8300. Inoltre, non viene fornito con ingressi bilanciati anche se mantiene la potenza di 50 W dei circuiti dell’originale 8000A.

Penso che l’ ampli Audiolab 6000a abbia cercato di ripristinare la gloria dell’8000 in questo prodotto. Poiché gli 8300 sono più costosi e hanno più funzioni, il prezzo della serie 6000 è destinato al mercato inferiore .

costruzione e caratteristiche dell’Amplificatore integrato stereo Audiolab 6000a

Quando è stata effettuata la consegna, sono rimasto molto colpito dall’aspetto fisico di questo amplificatore integrato di colore nero. Il 6000a sembrava molto professionale e, grazie alle informazioni a nostra disposizione, sapevamo che il contenuto della scatola non avrebbe deluso.

All’apertura ho trovato l’ Audiolab 6000a amplificatore integrato e altri accessori molto utili. Fisicamente, l’6000a assomiglia all’8300; ho visto i controlli rotanti e il grande display OLED e ho quasi pensato che non fosse quello giusto.

Questo amplificatore integrato è dotato di una conversione D/A di alta qualità, che consente il collegamento di sorgenti digitali direttamente al DAC esterno. Questa è la più grande differenza dal suo fratello analogico e venduto ad un prezzo più alto.

Inoltre, Audiolab ha installato il chip ESS ES9018KM2M Sabre32, il quale gli consente di eseguire la conversione D/A. Ciò significa anche che può gestire file ad alta risoluzione, fino a 192 khz.

L’amplificatore ha disponibilità di quattro ingressi digitali (2 coassiali e 2 ottici). Oltre a questo, ottieni tre ingressi analogici a livello di linea, ingresso phono solo MM per giradischi, connettività Bluetooth e un amplificatore per cuffie dedicato.

La funzione di pre-uscita sull’6000A è una delle mie caratteristiche preferite. Dà all’utente spazio sufficiente per crescere e costruire il proprio sistema. L’ho usato aggiungendo un amplificatore di potenza a 2 canali e mi ha permesso di portare la piattaforma in qualsiasi direzione desiderata.

Anche il pannello frontale è stato migliorato. Viene fornito con una manopola che puoi utilizzare per passare rapidamente tra le diverse opzioni (amplificatore e preamplificatore) . Credo che questa sia una caratteristica piuttosto impressionante.

C’è un discreto stadio di amplificazione di potenza nella classe AB del 6000a per pilotare gli altoparlanti. La sua uscita è di 50 W per canale su 8 ohm e 75 W su 4 ohm e questo ti consente di ottenere la potenza per un’ampia gamma di altoparlanti.

Anche la qualità costruttiva non delude; direttamente dalla scatola, si presenta come qualcosa che ti porterà via molto tempo. Il suo telaio in acciaio è sufficientemente stretto da eliminare qualsiasi saldatura (difficilmente potrete vedere della plastica).

Inoltre, ha tre manopole rotanti sul pannello frontale che ruotano facilmente. Sono tutti posizionati sulla superficie destra per un utilizzo senza sforzo.

Un altro aspetto incredibile dell’ ampli 6000A è il suo display OLED. È semplice da utilizzare anche se permette di visualizzare non più di due parole alla volta, portando comunque il messaggio a destinazione. Tutto questo fa parte del design semplice di questo amplificatore.

L’Audiolab 6000a è Semplice e facile da usare

L’amplificatore integrato Audiolab 6000a è un prodotto hi-fi senza complicazioni. Ad esempio, ha un’opzione di filtro digitale che ti consente di personalizzare il suono regolandolo tramite il DAC. Ti consente di scorrere il filtro e passare da suoni trasparenti, suoni speciali o più caldi a seconda della tua scelta.

Con la funzione di controllo remoto, puoi utilizzare il tuo amplificatore da qualsiasi distanza. È più grande degli amplificatori di altre marche e i pulsanti sono abbastanza grandi per un accesso rapido. Le manopole di controllo girano senza sforzo e in modo reattivo con l’equilibrio sub-medu.

Contiene filtri digitali, modelli operativi, un slow roll-off veloce e un roll-off lento per cuffie di classe ab. Se intendi utilizzare l’opzione dei tre filtri digitali, avrai l’opzione per un roll-off lento e un roll-off veloce nella fase minima.

Queste tre fasi sono il compromesso tra risposta all’impulso, risposta in frequenza e distorsione.

Nel complesso, mi piacciono sia il design che la costruzione di questo amplificatore. Non è solo la sua chiarezza, ma la facilità di navigazione che mi colpisce.

Sfortunatamente, non è dotato di un ingresso USB, il che significa che non puoi collegarti direttamente al tuo laptop, ma questo non è un grosso problema per gli streamer come me.

Suono dell’Audiolab 6000a

Non mi interessa davvero il prezzo del dispositivo che compro. L’unica sezione che ha senso controllare è il livello dell’audio e sono sicuro che anche tu la vedi così. Ovviamente ci sono altre caratteristiche da tenere in considerazione.

Il mio primo suono è stato il “Platinum” di Mike Oldfield, del 1979. Una cosa tipica di questi vecchi brani è che usavano strumenti veri per creare i loro suoni e la loro musica. Anche le voci sono incredibili e questo è il motivo per cui amo usarli per provare cose nuove.

Più tardi ho ascoltato “Into the Wonderland“, con la voce di Wendy Roberts. Io stesso sono un vocalist e la ballata melodica e low key molto energica che ne è uscita mi fa saltare di gioia.

Con tale uscita, penso che il 6000A sia semplicemente ottimo. Non si nasconde da alcun involucro sonoro. È qualcosa che ti lascerà un sorriso sul viso e assicurerà che il tuo investimento sia andato nel posto giusto.

Questo pezzo offre una presentazione sia bilanciata che sbilanciata, il che significa che puoi sentire dei bassi. Questa è una caratteristica molto importante che non troverai nelle apparecchiature vendute ad un prezzo più basso. La maggior parte dei prodotti ha bassi sacrificati o tagliati, anche in alcuni prodotti di fascia alta.

Ero contento che questo non fosse mai successo con il 6000a, la sua disciplina di frequenza è di primaria importanza e rimarrà attiva durante l’azione.

Il bilanciamento tonale è una considerazione molto importante quando si parla di amplificazione. Questo è il motivo per cui credo che gli amplificatori 6000a siano i leader di mercato nella loro fascia di prezzo. C’è anche uno stadio phono per soddisfare la riproduzione del vinile e anche degli input phono.

L’impedenza di ingresso è +55dB Phono, mentre la sensibilità di ingresso MM, 3.1 MV. Questo stadio fornisce il collegamento tra il giradischi e l’amplificatore.

È possibile ascoltare i filtri utilizzabili su qualsiasi apparecchio hi-fi. Questo è molto importante perché non avrei mai pensato che potesse accadere.

Oltre a collegarmi ai miei altoparlanti, ho collegato anche le cuffie. Ascoltando Satie, l’amplificatore per cuffie interno ha dato il massimo. Ebbene, c’è qualche limite all’estensione della gamma media, ma il suo inviluppo delle prestazioni è appena all’interno della gamma giusta.

Pro:

  • Suono chiaro, raffinato e articolato.
  • Funzionalità di fascia alta
  • Tre diversi ingressi digitali e filtri che includono la fase minima
  • Include uno stadio e ingresso phono a magnete mobile

Contro

  • La concorrenza è spietata.

Verdetto sull’Audiolab 6000a

Potrebbe non essere incredibile come il Rega Brio completamente analogico, ma Audiolab 6000a è un amplificatore utile.

Viene fornito con una gamma di funzionalità digitali applicabili alle moderne esigenze audio. È un eccellente amplificatore di fascia media che compete con la maggior parte dei leader della stessa fascia di prezzo.

Spero che la nostra recensione ti abbia fornito tutte le informazioni che ti servono per decidere quale amplificatore acquistare.

This post is also available in: English Español