Bill Stevenson, il Batterista dei Descendents

La storia di Bill Stevenson può sembrare una favola. Tuttavia, può essere paragonata alle storie delle più grandi menti di tutti i tempi, come Bill Gates e simili, ma ambientate nell’industria musicale.

Ti stai chiesto cosa abbia fatto Bill per essere descritto in questo modo?

Leggi l’articolo che abbiamo scritto per i nostri lettori e scopri tutto ciò che non sai su Bill Stevenson, il batterista dei Descendents!

Milo Goes To College

Milo Goes To College
Milo Goes To College

Compra su Amazon!!

Milo Goes To College è stato l’album d’esordio della band. Uscito nel 1982, questo risulta essere il disco preferito del gruppo.

E come si fa a non essere d’accordo?

Le quindici tracce al suo interno trasmettono ancora, a più di vent’anni di distanza, tutta l’energia hardcore punk di cui il gruppo si è fatto portatore durate la sua attività.

Che tu sia un fan o meno, questo pezzo deve essere tuo!

Compra su Amazon!!

Chi è Bill Stevenson:

Bill Stevenson
Bill Stevenson

Vita e Carriera

È grazie alla sua innovatività e alla sua dedizione nel proporre la migliore musica tra i vari generi che Bill Stevenson si è guadagnato di diritto un posto tra i migliori batteristi di tutti i tempi.

Nato a Torrance, in California, il 10 settembre 1963, questo musicista si è fatto un nome nell’industria musicale prendendo parte alle formazioni di diversi gruppi, tra cui i Descendents e i mitici Black Flag.

Durante il suo percorso, questo uomo ha iniziato una carriera come produttore discografico e oggi è co-proprietario, insieme a Jason Livermore dello studio di registrazione The Blasting Room a Fort Collins, in Colorado.

Innanzitutto, questo batterista è diventato famoso alla giovane età di 14 anni, quando ha co-fondato i Descendents nel 1978.

Descendents – “I’m The One” – Official Video

Questo gruppo punk statunitense composto da Milo Aukerman (voce), Stephen Egerton (Chitarra) e Karl Alvarez (Basso) ha segnato la storia del punk in tutto il mondo e rappresenta uno dei maggiori successi di Bill, nonché la svolta della sua vita.

A un’età così tenera, nessuno avrebbe immaginato di poter fondare una band in grado di conquistare il mondo, tuttavia, i Descendent hanno dimostrato il contrario.

I loro pezzi sono tutti timbrati dai caratteristici rulli di mitragliatrice di Stevenson, i quali rimbalzano nell’aria ogni volta che suona.

Non è tutto: la maggior parte di queste canzoni sono state scritte e prodotte da Bill Stevenson stesso.

La comprensione e le capacità musicali di Bill lo hanno portato a diventare uno dei migliori interpreti del suo tempo. Sono stati i suoi pezzi di questo periodo a gettare le basi per grandi band come i Green Day, i Blink-182, i Fall Out Boy e i Weezer.

Bill Stevenson Flag “Depression,” “I’ve Had It,” “My War” Live

La seconda parte della sua vita è iniziata nei primi anni Ottanta, quando si è unito alla band punk più iconica e brutale di Los Angeles, i Black Flag.

Quello era un periodo in cui il gruppo si trovava probabilmente nella sua fase più creativa. Uno dei migliori album di questo periodo è il disco Slip It In, il quale è ancora oggi una grande ispirazione per molti batteristi.

My War è un altro album realizzato con l’aiuto di Stevenson ed è rimasto un’icona da quando è uscito. Il suo lavoro portò la formazione ad essere la più grande del suo periodo, andando in tournée in giro per il mondo e trasmettendo l’hard-rock di Los Angeles.

Bill Stevenson era dotato di un approccio costante ma mutevole alla batteria, ed è per questo che il chitarrista Greg Ginn è stato in grado di esplorare di tutto, dal solido metal allo spastico punk-jazz.

Bill Stevenson Mentre Si Esibisce Con I Descendents
Bill Stevenson mentre si esibisce con i Descendents

È stato un grande viaggio di scoperta per il chitarrista, il quale lo ha aiutato a raggiungere la maggior parte dei suoi obiettivi.

“Se c’è una cosa di cui sono sicuro, Bill è una persona che non si può non amare. È nella sua natura lavorare bene con tutti”.

Disse Greg.

Forse è questo il motivo per cui Stevenson è rimasto una fonte di ispirazione per molti altri musicisti nel mondo.

Nonostante la sua attività in altre band, Stevenson ha mantenuto un fitto calendario di tournée con i Descendants.

Inoltre, c’è una band offshoot chiamata All che, insieme al progetto tributo ai Black Flag, i Flag, attribuisce il proprio successo al carattere iper-creativo e all’influenza quotidiana di Stevenson.

Curiosità

Negli ultimi anni, Stevenson ha avuto alcuni problemi di salute.

Intorno al 2008 ha saputo di avere un tumore al cervello che è rimasto per altri due anni prima di essere rimosso.

Tutto questo ha portato Stevenson a perdere la motivazione, lo ha fatto ingrassare, lo ha portato a soffrire di diabete e di apnee notturne ma, nel 2010, si è sottoposto a un intervento chirurgico che lo ha aiutato a tornare in salute.

Uno degli aspetti più importanti che hanno segnato il percorso di Bill Stevenson e dei Descendents è stato l’uso di caffeina.

I quattro arrivavano a mangiare fino a 50 barrette Snickers prima di suonare, in modo da ottenere l’energia necessaria per svolgere un buon lavoro.

Che dire, Bill Stevenson non è solo un batterista, ma un vero e proprio pioniere a cui la musica deve moltissimo.

Spero che questo articolo ti abbia fornito le informazioni che stavi cercando.

This post is also available in: English Español

Join Other 10.000 drummers

Subscribe To Our Monthly Newsletter

Get notified about new products, drumming tips and best drummers.