Mitch Mitchell, il batterista della Jimi Hendrix Experience

John Graham “Mitch” Mitchell è stato un batterista inglese nato a Ealing (Londra) il 9 luglio 1946; oltre al suo talento come musicista, ciò che lo ha reso famoso è stata la sua partecipazione alla The Jimi Hendrix Experience.

Posto da Rolling Stone in ottava posizione tra i migliori batteristi di sempre, Mitch Mitchell è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1992 e nella Modern Drummer Hall of Fame nel 2009.

Leggi l’articolo che abbiamo scritto per i nostri lettori e scopri tutto ciò che non sai su Mitch Mitchell, il batterista della Jimi Hendrix Experience!

The story of life – Gli ultimi giorni di Jimi Hendrix

The Story Of Life - Gli Ultimi Giorni Di Jimi Hendrix
The story of life – Gli ultimi giorni di Jimi Hendrix

Compra su Amazon!!

Il 18 settembre 1970 lasciava questa terra uno dei più grandi rappresentanti della musica del Novecento. Un evento, la morte di Jimi Hendrix, a Londra, che sarà a lungo esibito e strumentalizzato, oggetto di false informazioni, ipotesi fantasiose e versioni distorte.

In questa biografia si ricostruiscono, minuziosamente, gli spostamenti, gli incontri, i viaggi, le esibizioni, la quotidianità privata e quella professionale di un artista magistrale, il massimo innovatore nel campo della chitarra rock.

Per capire e sondare la parabola di Jimi Hendrix nell’ultimo mese di vita ci siamo affidati alle fonti più attendibili: documenti, riviste, giornali dell’epoca, selezionando le interviste più interessanti rilasciate in quei giorni e ascoltando le persone che con lui avevano condiviso il palco, le trasferte ma anche il tempo libero.

Ne esce un ritratto sorprendente, con i dubbi e le aspirazioni, i progetti e i ripensamenti, le gioie e la stanchezza di un musicista che il tempo non ha mai logorato.

Oltre alle voci di chi lo aveva frequentato, il libro (impreziosito da un ricco inserto fotografico di 40 pagine, con alcuni inediti) comprende un ampio resoconto sulla battaglia legale per l’eredità

Compra su Amazon!!

Mitch Mitchell
Mitch Mitchell

Chi è Mitch Mitchell, l’ottavo batterista della Hall of Fame

Quando si parla dei batteristi più innovativi di tutti i tempi, non si può non fare il nome di Mitch Mitchell.

Figlio di Phyliss C. Preston e Thomas J Mitchell, prima di dare inizio alla sua avventura come drummer del chitarrista più famoso della terra, Jimi Hendrix, Mitch era già un personaggio attivo nel mondo dello spettacolo.

Nel corso della sua carriera ha lavorato nel negozio di batterie di Jim Marshall e come attore per la televisione, per la quale ha recitato in alcune fiction radiofoniche.

Batterista autodidatta, militò per un breve periodo nella band rhythm and blues Georgie Fame and the Blue Flames del tastierista e cantante inglese Georgie Fame.

Inoltre, ben pochi ne sono a conoscenza ma suonò come session man per gli Who mentre questi stavano sostituendo Doug Sandom con Keith Moon.

È conosciuto in tutto il settore non solo grazie al suo stile ma anche grazie alla sua personalità e alle creazioni che ha portato nell’industria.

Roger Taylor dei Queen lo ricorda come il suo mito e lo stesso Steward Copeland dei Police ha ammesso di aver ricevuto da Mitch tutto ciò che è stato in grado di offrire.

In altre parole, quando Mitchell era dietro alla batteria, portava tutti coloro che lo stavano guardando e ascoltando a cedere e a ballare al ritmo della sua musica. Non solo offriva delle performance in grado di far impazzire chiunque, ma ha dato ispirazione a tanti altri musicisti importanti.

The Jimi Hendrix Experience – Hey Joe (1967)

La sua tecnica

Mitch Mitchell ha sempre mantenuto la sua posizione come uno dei batteristi più riconosciuti di tutti i tempi e, mentre lavorava con il trio, ha contribuito a costruire un groove teso e pesante in grado di rendere tutto più fluido.

Curiosamente, tutto questo ha prodotto un contrappunto ben strutturato alla chitarra di Jimi.

Taylor ha elogiato gli stili di Mitchell come una fusione di tecnica jazz e di riff eccellenti.

Tuttavia, a differenza del soft jazz, questo batterista ha introdotto un fragoroso attacco di rullate, il quale è stato integrato totalmente all’interno delle canzoni che suonava.

Mitch Mitchell Mentre Suona La Batteria
Mitch Mitchell mentre suona la batteria

Si tratta di uno stile notevole per un musicista così delicato; ad ogni modo, Mitchell è riuscito a far risaltare non solo la canzone, ma anche il tempo che stava segnando senza sforzarsi troppo.

Il modo di suonare di Mitchell veniva fuori così facilmente e in modo così naturale da far sì che gli altri membri della band si adattassero senza difficoltà e questa, cari amanti della musica rock, è una caratteristica che si riscontra solo nei batteristi più abili.

Mitch aveva sempre qualcosa di nuovo da portare al tavolo, il che lo rendeva un batterista di rilievo in ogni sua apparizione. È incredibile che ci siano batteristi che non riescono a capire il suo stile. Diciamo che era così bravo a suonare la batteria che nessuno avrebbe mai dubitato del suo lavoro.

Il suo drumming era così pieno di passione e di talento che sembrava come se stesse parlando alla batteria e, per questo, è stato di grande ispirazione per molti altri batteristi.

La Jimi Hendrix Experience

Jimi Hendrix Experience
Jimi Hendrix Experience

Il gruppo si formò a Londra nel 1966, quando il bassista degli AnimalsChas Chandler, notò Hendrix negli Stati Uniti e lo convinse a seguirlo nella nazione britannica affiancandogli Noel Redding e Mitchell.

Nel dicembre dello stesso anno il gruppo pubblicò il primo 45 Giri Hey Joe – Stone Free, il quale ebbe un notevole successo.

La consacrazione del suo talento fu raggiunta subito con il primo album intitolato “Are You Experienced“, il quale viene considerato ancora oggi una pietra miliare del rock.

La prima apparizione ufficiale degli Experience fu nell’occasione del grande evento del festival musicale di Monterey nel giugno del ’67.

The Jimi Hendrix Experience – Stone Free | Audio glitches (1967)

Assemblata per esigenze d’urgenza creativa di Jimi, l’Experience non lo soddisfece mai artisticamente, poiché si sentiva poco ascoltato e non sufficientemente seguito dai compagni di band.

La ricerca delle sonorità più innovative e la sperimentazione musicale che Hendrix tentò di introdurre non furono apprezzate totalmente, specialmente dal bassista; dopo particolarissimi e suggestivi esperimenti assemblativi, la formazione fu definitivamente sciolta.

La morte di Mitch Mitchell

Mitch Mitchell ha mantenuto la sua posizione come uno dei batteristi più riconosciuti di tutti i tempi fino al momento in cui è venuto a mancare.

Malato di cuore a causa dell’alcolismo che lo accompagnava da tempo, Mitchell è stato trovato morto in una camera d’albergo a Portland, il 12 novembre 2008, (a 62 anni) a causa di un attacco cardiaco che lo ha colto nel sonno.

Si trovava negli Stati Uniti per un tour-tributo a Jimi Hendrix ed è stato sepolto a Seattle, città natale del suo amico chitarrista.

La sua creatività ha ispirato molti a comporre i propri pezzi, migliorando tutto ciò che è stato fatto prima. Un lavoro così rivoluzionario non può passare inosservato e non lo farà mai.

Spero che questo articolo ti abbia fornito tutte le informazioni che stavi cercando.

This post is also available in: English Español

Join Other 10.000 drummers

Subscribe To Our Monthly Newsletter

Get notified about new products, drumming tips and best drummers.