Neil Peart, il Batterista dei Rush

  1. Home
  2. /
  3. Migliori Batteristi
  4. /
  5. Neil Peart, il Batterista...

Contents

Quando si tratta di parlare di talento all’interno del mondo della batteria, ci sono diversi nomi che dovrebbero venirci in mente e Neil Ellwood Peart è uno di questi.

Stiamo parlando del paroliere, batterista e scrittore canadese nato ad Hamilton (Canada) nel settembre del 1952 Neil Pert.

Ellwood deve la sua fama alla sua attività nei Rush, band progressive rock composta dal chitarrista Alex Lifeson e dal fontman-bassista Geddy Lee.

Scopri tutto ciò che abbiamo da raccontarti su di lui e leggi l’articolo che abbiamo scritto apposta per i nostri lettori!

Un anno in moto per ritrovare la vita – Neil Peart

Non molti sono a conoscenza del fatto che Neil fosse uno scrittore; oltre ad essere stato un musicista di successo ed aver plasmato l’industria della musica rock, il nostro batterista è stato anche l’autore di diversi libri.

Prima di entrare nello specifico e di illustrarvi questo fantastico scritto è necessario raccontarvi un episodio piuttosto triste della storia di Ellwood.

L’unica figlia di Peart, Selena Peart Taylor, rimase uccisa in un incidente stradale nel 1997 e sua moglie morì in seguito al cancro nel 1998.

L’impatto emotivo scaturito da tutto questo deve essere stato insostenibile per il Professore, il quale decise di intraprendere un lungo viaggio in moto attraverso il Canada, gli Stati Uniti e il Messico.

Quella che presentiamo oggi è la vera e propria storia di un uomo che ha perso le persone che amava di più e che ha deciso di salire sulla sua BMW R1100GS e di partire senza meta, per un viaggio durato oltre 80.000 chilometri per fuggire dal dolore, diventando un vero e proprio Ghost Rider.

Durante il tragitto, Neil ha annotato in un diario i suoi progressi e i suoi insuccessi, come vere e proprie tappe, registrando anche le sue avventure di viaggio: i meravigliosi paesaggi, le persone che ha incontrato lungo la strada e che lo hanno portato a ritrovare la voglia di vivere.

Non puoi farti scappare tutto questo.

Neil Peart Mentre Suona Con I Rush
Neil Peart mentre suona con i Rush

La carriera dell’uomo chiamato “The Professor”

Fece le prime audizioni per il gruppo dei Rush nel 1974 e impressionò immediatamente tutti con il suo stile affascinante. I suoi compagni di band hanno visto in lui qualcosa di più di un semplice batterista: avevano davanti a loro una vera e propria opportunità.

Il chitarrista Alex Lifeson afferma di essere stato immediatamente sbalordito dal modo di suonare di Peart, il quale era un fan sfegatato degli Who e del batterista inglese Keith Moon.

Ha usato lo stile esatto del leggendario Moon the Loon e ha suonato la batteria così forte e con così tanto entusiasmo che ha fatto pensare a tutti di aver capito che la batteria stesse chiedendo più.

Nonostante suoni l’esatta replica dello stile Moon-like, è ironico che la batteria di Neil ne sia diventata l’esatto opposto. Il suo contributo estetico è spesso visto come molto diverso da quello che forse tutti gli altri si aspettavano.

Durante questa esibizione e per tutta la sua carriera, The Professor è riuscito a eseguire alcune delle percussioni più esatte e meticolosamente mai realizzate e mai viste nel genere e nella storia della musica rock.

Neil Peart è l’artista che ha contribuito immensamente alla realizzazione delle ambizioni high-prog dei Rush negli anni ’70, esibendosi e mostrandosi sia come un artigiano ossessivo che come un musicista molto ambizioso.

Questi sono i tratti che sono emersi chiaramente attraverso i suoi testi. Peart usava spesso elementi esoterici come campane d’orchestra, bonghi e timpani. Inoltre, ha usato le sue stesse creazioni in diverse canzoni, come “Xanadu” e “The Trees“.

Si tratta di un uomo dal grande talento, sia come musicista che paroliere ed autore di molti testi della sua rock band.

Neil Peart
Neil Peart

Durante gli anni ’80, il lavoro della band si è snellito quando alcuni dei loro capolavori sono passati a una musica più pop; ne è un esempio il brano “Moving Pictures“.

Da questo momento, anche il modo di suonare di Peart è cambiato: il nostro batterista ha iniziato ad includere sample pads ed altri gadgets elettronici.

La sua motivazione è poi venuta da innovatori di fama internazionale come Stewart Copeland, il batterista dei Police.

Il Professore è stato un batterista che non ha mai smesso di imparare e che è sempre stato alla ricerca di suoni nuovi in grado di sbalordire chi lo ascoltava, motivo per cui ha lasciato un enorme segno nel settore.

Drum solo di Neil Peart al Letterman Show

L’impronta lasciata da Neil Peart

The Professor è giustamente ricordato come un grande musicista grazie a quelli che in molti chiamano “i più grandi gusti di batteria di tutti i tempi”.

Il lavoro di Peart ha continuato a essere presente nei progetti rock progressivo dei Rush. L’uscita più recente è stato l’album “Clockwork Angels“, il quale è uscito nel 2012 ed ha ricevuto il premio Juno Award come album rock dell’anno.

All’interno delle tracce di questo disco è possibile ascoltare l’intricato ma straordinariamente preciso lavoro di piatti di Neil.

Molti amanti della musica hanno visto questo come una straordinaria combinazione di bellezza e di forza.

Il Professore ha dato un enorme contributo alla creazione e alla crescita delle più grandi band di tutti i tempi e questo rimarrà per sempre una parte della sua leggenda.

Nonostante la sua morte, Ellwood è ancora una parte importante del settore; ogni sua performance continua ad essere una guida ed un’ispirazione per tutti i batteristi e i musicisti che hanno l’obiettivo di segnare per sempre la storia del rock.

Neil Peart Mentre Suona La Batteria
Neil Peart mentre suona la batteria

Il Mito di Neil Peart

Peart era ed è ancora il più venerato batterista dal vivo. Sebbene si fosse ritirato dalle tournée della band per via della sua età, il suo contributo ed il suo nome non hanno mai lasciato il palco.

In tutta l’industria, è molto popolare come architetto di assoli mozzafiato che danno l’impressione di fermare il tempo e questo gli è valso un grande rispetto in tutto il mondo della musica rock.

Peart è stato una grande ispirazione per molte generazioni e il suo stile, la sua energia e il suo entusiasmo continuano ad essere emulati dagli artisti emergenti. Inoltre, molti sono stati plasmati dalla sua personalità.

La Morte di Neil Peart

Il 7 dicembre 2015 in una intervista con Drumhead Magazine, Peart ha annunciato la sua decisione di ritirarsi dalla scena musicale.

Poco tempo dopo, il suo amico e compagno di band Alex Lifeson ha dichiarato che il ritiro definitivo di Peart dall’attività era causato da alcuni problemi di salute.

Neil passò a miglior vita a Santa Monica il 7 gennaio 2020 a causa di un cancro al cervello contro cui lottava da 3 anni e mezzo. La notizia venne resa nota al mondo solo il 10 gennaio 2020 per volere della famiglia.

In un comunicato, gli amici di Ellwood e i suoi famigliari scrissero il seguente messaggio:

-“Chiediamo che amici, fan e media rispettino comprensibilmente il bisogno di privacy e pace della famiglia in questo momento estremamente doloroso e difficile. Coloro che desiderano esprimere le loro condoglianze possono scegliere di fare una donazione in nome di Neil Peart presso un gruppo di ricerca sul cancro o un gruppo di carità a loro scelta.-“

Spero che questo articolo ti abbia dato tutte le informazioni che stavi cercando.

This post is also available in: English Español

Only For True Drum Lovers!

Subscribe To Our Newsletter!

Join other 10.000 drummers worldwide!

Get notified about new products, drumming tips and best drummers!

Join Other 10.000 drummers

Subscribe To Our Monthly Newsletter

Get notified about new products, drumming tips and best drummers.