Roland HandSonic HPD 20 Migliore Recensione del 2022

Quando penso a quanto sia andata lontano la tecnologia nell’industria musicale, mi sento molto orgoglioso e la gamma di strumenti a percussione targata Roland HandSonic mi fa chiedere quanto l’umanità non abbia ancora scoperto.

Leggi l’articolo che abbiamo scritto per i nostri lettori!

Aggiornamento al 2022

Il prodotto menzionato non è al momento disponibile; l’alternativa migliore per le stesse caratteristiche di Roland Handsonic HPD 20 è il Roland SPD-30 Octapad.

Perché HandSonic?

Nel corso della mia carriera ho avuto la fortuna di recensire diversi pad elettronici ed ho esaminato diversi articoli, da quelli entry-level ai prodotti di fascia alta.

In ogni sezione, Roland e Yamaha sono rimasti i miei produttori preferiti. Anche se i loro prodotti migliori arrivano a costare migliaia di dollari, puoi comunque investire in qualcosa di affidabile. Bisogna dirlo: si prendono cura di ogni batterista.

Ancora meglio, anche il cugino più stretto del batterista, il percussionista, rimane soddisfatto. Le loro esigenze si incontrano nella maggior parte dei kit elettronici presenti sul mercato; c’è una vasta varietà di suoni e di percussioni incorporati nei normali drum tunes.

Ad esempio, quando stai cercando di aggiungere un effetto conga in un mix latino o semplicemente vuoi suonare la parte del campanaccio nel tuo arrangiamento, puoi fare affidamento su questi suoni, non puoi mai sbagliare.

La maggior parte di essi è dotata di controller che consentono ai batteristi di aggiungere suoni di percussioni ai kit di batteria. Un buon esempio è il Roland SPD-SX e lo Yamaha DTX Multi 12.

Anche Alesis è stata in cima al mondo con il suo drum pad. Tutti i modelli di cui vi ho parlato sono ottimi se suonati con le bacchette.

Ma che dire della vasta gamma di musica che deve essere suonata con le mani o con le dita su degli strumenti a percussione? Bene, ci sono diverse offerte sul mercato, come il Korg Wavedrum. È incredibile quanto possa fare un singolo tamburo!

Penso che il Roland HandSonic Pad HPD 20 sia il migliore. Viene fornito con capacità di editing illimitate e tutto ciò di cui un percussionista ha bisogno per creare la propria musica.

Puoi facilmente vedere cosa può fare il Roland HPD in questo video. Prima, vediamo perché questo articolo si distingue dagli altri prodotti sul mercato.

Muovi quelle Mani

L’idea di questo HPD 20 HandSonic di Roland è stata introdotta dal modello HPD 15. Questo dispositivo è dotato di caratteristiche incredibili, tra cui 15 pad, un sequencer integrato, controller a nastro e diverse manopole/pulsanti di controllo.

Ovviamente con una tale disponibilità, arrivano i prezzi elevati.

Successivamente, il sito della Roland ha messo a disposizione il modello HPD 10, il quale è una versione più conveniente.

Arrivato alcuni anni dopo l’HPD 15, questo dispositivo non ha deluso le aspettative dei consumatori. Bisogna infatti sapere che metteva a disposizione una nuova serie di suoni di batteria e percussioni. Inoltre, il suo formato era più snello.

Questi HDP 10 e HPD 15 stavano andando bene fino all’arrivo del modello HPD 20, il quale si è rivelato essere un vero punto di svolta.

Sembra quasi di star suonando un mini drumkit: presenta 850 tamburi, percussioni e musica melodica. Come se ciò non bastasse, ottieni tre processori multi-effetto ed il Roland Supernatural Sound Engine.

Roland è sempre stato un innovatore in tutti i settori ed è per questo che hanno cercato di stare al passo con gli standard contemporanei delle apparecchiature audio.

Il Roland Handsonic HPD 20 dispone di una connessione USB collegabile direttamente al tuo Mac o PC. Ciò significa che puoi importare file WAV da utilizzare in qualsiasi tua creazione.

La build e le funzioni

Il nero è un colore che comanda in diversi settori ed occasioni e non poteva mancare su questo modello.

Grazie al suo nuovo involucro nero, questo prodotto offre un look molto più attraente rispetto alle versioni precedenti.

Dispone di una superficie circolare fatta in gomma con un cerchio color ferro. Il produttore ha deciso di utilizzare dieci bulloni esagonali per tenere insieme questi pezzi, facendoli sembrare una vera pelle di tamburo.

Prima ancora di avere la possibilità di suonare, sarai sicuramente rapito dal display LCD che si trova al centro e presenta manopole e pulsanti di colore argento e nero tutt’intorno.

La retroilluminazione gli conferisce un aspetto molto professionale.

Altro su LCD e controlli

Questo pezzo viene fornito con una manopola di controllo che si è rivelata essere assai discreta per il volume delle cuffie e delle uscite principali.

Noterai un grande pulsante Kit che apre la schermata principale sul display. Questa funzione è il “ritorno a casa“, la quale ti permette di ritornare alla schermata principale senza premere il pulsante troppe volte.

Quindi, è abbastanza applicabile alle esibizioni dal vivo.

C’è un’altra manopola all’estremità per il controllo in tempo reale delle intonazioni e degli effetti. Sono presenti due pulsanti di retroilluminazione dedicati.

Gli ultimi pulsanti nell’area frontale sono dedicati al tasto Roll e al Quick Record e rendono questa zona un set completo.

Nella parte superiore del display LCD, troverai il raggio di luce infrarossa invisibile D-Beamed, il quale è la firma di Roland.

Questo controlla il suono e gli effetti attraverso i movimenti della mano.

Sotto il display LCD sono presenti tre pulsanti che ti portano direttamente a diverse funzioni in base a ciò che è visualizzato.

Inserimento dati e navigazione

L’area dedicata all’immissione dei dati e alla navigazione è impostata a destra dell’area di controllo. Presenta un pulsante del menu e quattro tasti cursore che ti aiutano a tracciare il tuo percorso.

Ci sono due grandi tasti + e , una manopola e dei tasti di immissione per inserire i dati. Come se non bastasse, c’è un piccolo tasto Maiusc che attiva alcune funzioni secondarie. Fornisce inoltre un modo più rapido per ottenere un “accesso immediato”.

Mi piace che il pulsante di accensione sia nell’area di controllo. Questo rende molto facile accenderlo e spegnerlo, a differenza di quando è sul retro, come in altri prodotti.

La parte posteriore

Sul retro del dispositivo, ci sono diversi di ingressi. Innanzitutto, c’è l’uscita stereo con due jack da ¼ di pollice, accanto alla quale c’è un’uscita per cuffie stereo.

Noterai anche un ingresso stereo Mix In sul jack da 1/4 di pollice. Questo offre una possibilità aggiuntiva rispetto al normale mini-jack, rendendo più facile il collegamento e le sorgenti audio esterne.

È possibile utilizzare questa capacità per mixare le canzoni sul tuo HPD 20 mentre ti eserciti.

Sotto le uscite principali, ci sono dei Trigger In e gli ingressi di controllo per gli Hi-hat. Questi permettono ai musicisti di collegare un ingresso trigger esterno, come un drum pad, o un kick trigger.

Puoi anche aggiungere un pedale in modo da poter controllare più facilmente l’apertura e la chiusura del charleston.

Inoltre, c’è un interruttore a pedale separato. Con questo, puoi controllare funzioni specifiche senza usare le mani.

Ultima, ma non per importanza, è la porta USB che consente di connettersi a un computer mentre si salvano e si caricano le impostazioni del tuo HPD 20.

È possibile caricare i tuoi file WAV tramite questo dispositivo. Anche l’ingresso/uscita MIDI e la presa dell’adattatore di alimentazione si trovano nella stessa area.

Con queste funzionalità, non c’è nulla che tu non possa fare con questo dispositivo. Per un percussionista, si tratta di un sogno che si avvera.

Funzionalità

Il Roland HandSonic HPD 20 è dotato di funzionalità che ti consentono di sfruttare appieno la tua creatività. In parole povere, puoi essere certo del fatto che il tuo investimento abbia soddisfatto le aspettative.

Come proprietario di un HPD-10, fidati di me quando dico che l’HPD-20 è una tecnologia superiore nel complesso.

Suoni a bordo

Questa è una delle cose che amo maggiormente del Roland HandSonic HPD 20. Viene fornito con l’ampia varietà di suoni di cui è alla ricerca qualsiasi tipo di batterista o percussionista.

Ci sono fino a 850 suoni, tutti provenienti da diversi strumenti a percussione. Vuoi i modelli tradizionali? Ce li hai. Preferisci delle opzioni più specifiche come il conga e il bongo? Beh, hai tutto qui.

C’è una vasta gamma di beat e mix elettronici, i quali sono perfetti per DJ e ingegneri del suono.

Sono sicuro del fatto che ti innamorerai della sua connettività. L’opzione di includere un’unità flash USB significa che hai spazio per ospitare più di 500 file.

Devi sapere che DJ e batteristi di studio da tutto il mondo hanno elogiato moltissimo il modello HPD-20 di Roland.

Questo perché possono aggiungere i propri suoni aggiungendoli manualmente oppure generandoli utilizzando la funzionalità D-Beam, la quale rende le prestazioni più eccitanti.

Per un batterista, niente rende più felici della versatilità della loro attrezzatura.

Reattività

Ho già detto che questo prodotto utilizza la tecnologia dei suoni supernatural HPD, i quali sono marchio di Roland?Bene, questo rende i pad molto reattivi. La tecnologia può interpretare il tuo input in eccellenti output elettronici.

Ogni volta che ne colpisci uno, il software rileva le vibrazioni con una risposta esatta, mantenendo il suono naturale. Questo è uno dei motivi per cui è una soluzione perfetta per la batteria professionale e per i concerti dal vivo.

Inoltre, questa tecnologia significa che puoi mantenere le oscillazioni di velocità o le interruzioni innaturali che si verificano tra i campioni.

Puoi facilmente regolare le impostazioni su questo dispositivo in modo da poter adattare i suoni prodotti al tuo stile.

Viene fornito con tre diversi motori per aiutarti a modificare i tuoi suoni con effetti diversi.

I cuscinetti sono caratterizzati da un materiale gommoso e ciò significa che sono più adattabili alle diverse esigenze di chi lo utilizza.

Per coloro che amano modificare i suoni questo è lo strumento perfetto. Inoltre, è possibile anche disattivare l’audio o semplicemente smorzare i pad, ottenendo così il meglio dalle tue prestazioni.

In altre parole, hai più controllo per suonare con questo dispositivo rispetto a qualsiasi altro e, poiché puoi creare un’enorme varietà di suoni da aggiungere a quelli già esistenti, puoi estendere la tua creazione come più preferisci.

Questi suoni possono funzionare per qualsiasi genere musicale e forse questa è la cosa su cui ha lavorato maggiormente l’ideatore del Roland HandSonic HPD 20.

La dimensione

Una cosa è avere tutto ciò di cui hai bisogno per la produzione musicale e un’altra è avere tutto sotto un dispositivo portatile e leggero.

Quando si tratta di una batteria eccellente, la quantità di gadget di cui hai bisogno può rendere molto difficile essere in tour.

Per questo motivo, adorerai il Roland HandSonic HPD 20: pesa poco più di cinque libbre e ciò significa che puoi portarlo praticamente ovunque tu voglia.

In termini di dimensioni, misura 15,9 pollici per 12,2 pollici per 4 pollici. Ciò significa che puoi metterlo nello zaino e portarlo in giro.

Questo è un ulteriore vantaggio rispetto alle tradizionali batterie o agli e-kit multi-parte.

Inoltre, puoi suonarlo come un tamburo laterale semplicemente collegando un pedale e viene fornito con un ingresso per charleston.

Con queste caratteristiche, puoi utilizzare facilmente questo dispositivo con altri componenti dei kit di batteria elettronica Roland.

In altre parole, puoi trasformare questo dispositivo in una mini batteria elettronica da utilizzare persino durante un’esibizione dal vivo su un grande palco.

Il paradiso dei percussionisti

Non sono solo i suoni e i campioni a rendere questo dispositivo praticamente imbattibile. Puoi anche regolarlo e mixarlo per suonare come un’ampia scelta di strumenti melodici.

Di cosa ha bisogno un percussionista? Cercano un mucchio di strumenti diversi che possano essere suonati per fare musica sensata.

Bene, con l’HPD-20 puoi attingere a qualsiasi cultura: è tutta una questione di varietà.

Ti piace la musica indiana? Suona il santoor sul tuo HandSonic. Forse ami l’antica musica delle isole britanniche. In tal caso, ti godrai il suono dei crotales.

Puoi anche creare un mix unico di strumenti e coronarli con gong e campane. Questo arricchirà la tua esperienza.

Nota anche che puoi accordare ogni suono di qualsiasi strumento melodico su una tonalità perfetta.

Amplificazione del Roland HandSonic HPD 20

Questo dispositivo non è dotato di altoparlanti integrati e ciò significa che dovrai utilizzare altoparlanti esterni o cuffie per ascoltare la musica.

Ti consiglierei di mettere l’amplificatore Roland PM-10 nel tuo carrello per ottenere un’esperienza mozzafiato: ha una potenza massima di 30 watt, il che significa che è abbastanza potente da produrre il suono di cui hai bisogno.

È dotato di altoparlanti coassiali a due vie da 10 pollici e di un lettore MP3/CD.

Poiché questo articolo Roland ha già i controlli del volume, dovresti essere in grado di regolare facilmente la sorgente esterna in modo efficace e l’equalizzatore a due bande ti aiuterà a modificare il tono alla perfezione.

Conclusione

Sulla base delle caratteristiche e delle sue funzionalità, il Roland HandSonic HPD 20 è un dispositivo eccellente, qualcosa di assolutamente sensazionale.

Possederlo ti aiuterà ad arricchire la tua esperienza da batterista e da percussionista; è ottimo come accessorio per un grande kit di batteria elettronica o come stand-alone e puoi usarlo per una varietà di esigenze, comprese le esibizioni dal vivo.

Non puoi assolutamente perderti tutto questo.

Spero che questo articolo ti abbia dato tutte le informazioni che stavi cercando.

This post is also available in: English

Lascia un commento